• Deutsch
  • Come tutto è iniziato.

    Storia dell’associazione

    *

    Nel 2015, il binario 1 della stazione ferroviaria di Bolzano si è trovato in una situazione eccezionale. Sono arrivate molte persone che volevano proseguire verso nord. Sono rimasti bloccati e sono stati raccolti da iniziative civili come la nostra.

    Primavera 2015

    Le persone vanno e vengono. Molte persone.

    Molti ricordano bene la situazione del 2015. In tutta Europa sono arrivate molte persone in cerca di protezione e sicurezza. Anche a Bolzano molti sono rimasti bloccati e si sono radunati alla stazione ferroviaria. La situazione era fuori controllo, gli uffici provinciali competenti erano sovraccarichi e nessuno aveva un piano concreto su come affrontare la situazione. Così è successo che molte persone della società civile hanno voluto aiutare altre persone che si sono trovate in questa situazione intollerabile. Un numero sempre maggiore di volontari della stazione ha iniziato ad aiutare attivamente: eravamo noi, Binario 1.

    Mentre all’inizio distribuivamo solo tonno e acqua, gradualmente ci siamo organizzati con gli altri volontari. Ci è stata data una stanza che ci ha dato lo spazio necessario per nutrire e accogliere più persone possibili. Tutto questo perché la sala d’attesa vera e propria era stata chiusa, invece di offrire un luogo caldo per il riposo delle persone in viaggio.

    “All’inizio non siamo state prese sul serio perché eravamo tutte donne e non avevamo la minima idea, ma abbiamo imparato molto presto come funzionava il tutto”. E rapidamente siamo state prese sul serio anche dalla provincia. Siamo state invitate alle riunioni di coordinamento e abbiamo iniziato a organizzare incontri regolari per i volontari, per scambiare idee e organizzarci.

    Gli anni successivi

    Sostegno a chi è rimasto e abusi del sistema

    Sebbene la maggior parte delle persone bloccate volesse proseguire verso nord, molti sono rimaste in Alto Adige, intenzionalmente o meno. Negli anni successivi al grande afflusso, la cosa principale è stata quella di sostenere proprio queste persone, perché le organizzazioni istituzionali non avevano abbastanza capacità, erano fuori dalla “quota”: non erano state assegnate dall’Italia, ma erano venute qui da sole. Soprattutto i corsi di lingua e l’assistenza nella stesura del curriculum vitae e nella ricerca di un lavoro dovevano aiutare le persone a inserirsi gradualmente in Alto Adige e a iniziare una vita normale.

    Inoltre, abbiamo fatto esperienze importanti, che hanno fortemente influenzato e ispirato progetti e idee future.

    Per esempio, una volta abbiamo portato delle donazioni in un sito dietro la stazione ferroviaria di Bolzano perché ci era stato detto che lì vivevano delle persone in treni abbandonati. Siamo rimasti scioccati dalle condizioni e profondamente delusi. I politici hanno sempre dato l’impressione che tutto funzionasse e fosse sotto controllo, ma abbiamo visto che non era così. Un motivo: il sistema italiano prevede che i richiedenti asilo con decisione positiva debbano lasciare nuovamente i campi in tempi piuttosto brevi. E molti di loro finiscono per strada.

    Soprattutto vedere donne con neonati e bambini piccoli per strada, perché apparentemente non c’erano ufficialmente posti in alloggi di emergenza per loro, ci ha scioccato e fatto arrabbiare oltremodo. Questo ci ha motivato a cercare spontaneamente e di nostra iniziativa una sistemazione d’emergenza. La chiesa evangelica di Bolzano è stata uno di questi primi rifugi di emergenza che ha accolto ripetutamente persone in assoluto bisogno e continua a farlo.

    Attraverso queste e altre situazioni simili, si è gradualmente sviluppata l’idea di offrire posti letto strutturati e organizzati per le persone in situazioni di emergenza. L’idea di fondo è stata, da un lato, quella di sostenere le persone che non erano considerate ed erano escluse dal sistema e, dall’altro, quella di evidenziare i punti deboli proprio di questo sistema – per mostrare ai politici quanto possa essere facile trovare più posti letto nel centro di Bolzano e metterli a disposizione delle persone.

    Ci siamo imposti di offrire non solo un posto letto, ma anche accompagnamento, consulenza e sostegno. Ad esempio, abbiamo spesso lavorato insieme a psicologi e psicologhe e medici.

    Dal 2017

    Progetti di accoglienza ambiziosi e strutturati

    Grazie a questi approfondimenti sui malfunzionamenti di Bolzano, abbiamo avviato progetti più ambiziosi per sostenere le persone in difficoltà attraverso alloggi, consulenza e formazione.

    Nell’inverno 2017 abbiamo aperto una grande casa in via Carducci, generosamente messa a disposizione da Heiner Oberrauch, dove abbiamo potuto offrire sia alloggi a breve termine che camere a lungo termine per le emergenze. Questo enorme progetto è stato portato avanti da molti volontari e aveva l’obiettivo di portare le persone al punto di essere autosufficienti. Per noi è stato un grande salto nel vuoto, ma ha funzionato, ha aiutato molte persone e abbiamo raggiunto il nostro obiettivo: dimostrare quanto sia facile e fattibile dare ai senzatetto di Bolzano un futuro degno di essere vissuto. La casa non doveva essere un’alternativa permanente ad altri campi, ma un progetto con una fine prevista, marzo 2019. Volevamo stimolare e ispirare l’amministrazione della città e della provincia ad avviare un progetto simile. Purtroppo, senza successo.

    Inoltre, abbiamo fornito consulenza e aiuto con i documenti, eravamo in Questura ogni giorno per aiutare le persone ad orientarsi nell’amministrazione italiana e a farsi valere. Abbiamo parlato agli uffici sociali della città e della Provincia, siamo stati presenti nelle reti per le questioni sociali, sanitarie e legali e molto altro ancora. Il tutto dal nostro ufficio di via Carducci.

    Dal 2020

    Progetto Dorea

    Dopo che a fine 2019 abbiamo dovuto lasciare la casa di via Carducci, l’esigenza di sostegno e di alloggi per i vulnerabili non è stato risolto. Frasnelli ci ha offerto lo Zeilerhof di Gries. Ci siamo trasferiti volentieri al primo piano, inizialmente con donne e famiglie. In seguito, ci vivevano solo donne sole, è nato così il progetto Dorea. Ora le donne vivono in due appartamenti a Oltrisarco e abbiamo una casa per famiglie a Prato Isarco.

    Schutzhütte B1 Rifugio EO

    Via Col di Lana 10

    39100 Bolzano

    +39 328 024 2108

    rifugiob1@schutzhuette.bz.it

    Conto di donazione

    IBAN IT55 o08081 11601 000301015923

    BIC RZSBIT21103

    Codice fiscale 94138630218

    Seguiteci!

    La nostra associazione è presente su Facebook e Instagram .

    Avviso sui cookie di WordPress da parte di Real Cookie Banner